Prove di intesa tra 5Stelle e Pd. Il tempo per trattare è poco e molte sono le divergenze e i veti,. primo tra tutti il taglio dei parlamentari, bandiera dei 5Stelle, ma avversato dal Pd. Salvini, Berlusconi e Meloni chiedono a Mattarella il ritorno alla urne. Il leader della Lega lascia però aperto uno spiraglio a una rinnovata intesa con Di Maio. Una strada, al momento, quasi impossibile da percorrere

Concluso il primo giro di consultazioni prende consistenza la trattativa tra Pd e 5Stelle. Ma molte sono le incertezze sull’esito finale. Di sicuro c’è il fatto che i grillini non vogliono andare al voto anche se manfestano questa volontà dicendo di agire per il bene del Paese e non per…

Mossa a sorpresa di Salvini: approviamo la riduzione dei parlamentari e dopo andiamo al voto. I 5Stelle chiedono però che sia ritirata la mozione di sfiducia a Conte che, ha deciso il Senato, si recherà per comunicazioni soltanto il 20 agosto. I tempi della crisi potrebbero allungarsi. Renzi, sempre più lontano dal suo partito, prova a tornare in giocoe lancia un pinte verso i 5Stelle

Salvini ha deciso, basta con questo governo e si vada la voto. Di Maio prova a resistere: prima approviamo la riduzione dei Parlamentari. Conte polemico con il leader leghista lo sfida in Parlamento a spiegare le ragioni della crisi. Ma dopo il passaggio formale a meno di colpi di scena e di maggioranze imprevedibili si andrà al voto. Probabilmente Mattarella affiderà a un governo tecnico il compito di guidare l'Italia al voto.